Prestiti in corso 0
Prestiti di oggi 0
Utenti iscritti 0
Vedi tutti

Novità del sistema

Catalogo della rete ReaNet - Biblioteche lungo l'Elsa e l'Arno

Vedi tutti

I più letti

  1. 1

    Negli occhi di chi guarda Marco Malvaldi

  2. 2

    La colonna di fuoco Ken Follett

  3. 3

    La strega Camilla Läckberg

  4. 4

    Pulvis et umbra Antonio Manzini

  5. 5

    Le tre del mattino Gianrico Carofiglio

  6. 6

    L'amica geniale Elena Ferrante

  7. 7

    Nemo Davide Morosinotto

  8. 8

    Il rinomato catalogo Walker & Dawn Davide Morosinotto

  9. 9

    [3]: L'amica geniale Elena Ferrante

  10. 10

    Io non ho paura Niccolò Ammaniti

Vedi tutti

I più richiesti

  1. 1

    Origin Dan Brown

  2. 2

    Nel più bel sogno Marco Vichi

  3. 3

    La colonna di fuoco Ken Follett

  4. 4

    Rondini d'inverno Maurizio de Giovanni

  5. 5

    Quando tutto inizia Fabio Volo

  6. 6

    Souvenir Maurizio De Giovanni

  7. 7

    L'uomo del labirinto di Donato Carrisi

  8. 8

    Festa di famiglia Sveva Casati Modignani

  9. 9

    Ogni storia è una storia d'amore Alessandro D'Avenia

  10. 10

    Arabesque di Alessia Gazzola

Vedi tutti

Prossimi eventi

Nessun evento in programma
Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Caporetto - Alessandro Barbero

Nato a Torino nel 1959 e specializzato in storia militare e del Medioevo, Alessandro Barbero è uno degli storici migliori presenti nel panorama italiano. Con “Caporetto” l’autore riesce non solo ad inquadrare in modo ineccepibile quelli che sono stati i fatti e il loro susseguirsi, ma offre altresì al lettore una perfetta sintesi di ciò che possiamo trovare in altre opere a firma Monticone, Silvestri, Pieri, Faldella, Fadini, Rommel etc , che a più riprese si sono occupati dell’argomento.
La compilazione dello studioso segue uno schema metrico chiaro, lineare e preciso, tanto che il conoscitore è accompagnato passo dopo passo nel rivivere della battaglia. L’opera ha inizio con una parte introduttiva dedicata agli austro-tedeschi, prosegue con la descrizione del crollo delle nostre brigate in appena due giorni per poi approfondire ancora storie e polemiche di vecchia data su responsabilità e colpe gerarchiche che hanno negli anni fatto parte di dibattiti e discussioni tra le più autorevoli fonti storiche. Barbero si sofferma ancora sulle caratteristiche del nostro apparato militare, evidenziandone lacune e inferiorità, scarsa combattività e resistenza della maggior parte dei reparti. Ovviamente lo scrittore non si risparmia nemmeno in merito al tentativo di chi ha cercato di rendere “vittoria” quella che nel concreto è stata una sconfitta, e per dimostrare la sua tesi offre molteplici prove a sostegno.
Non mancano altresì osservazioni sul fatto che “i tedeschi avevano capito da un pezzo che in guerra bisogna innanzitutto cercare di non farsi ammazzare” quando al contrario Cadorna si rifiutava di accettare e comprendere il dato o storie relative a ciò che sarebbe stato il futuro di certi protagonisti quali, a titolo di esempio, il maggiore Visconti Prasca (diventato generale di corpo d’armata nell’ottobre del 1940, destinato a comandare l’esercito italiano nella catastrofica invasione in Grecia, silurato da Mussolini e di poi unitosi ai partigiani dopo l’otto settembre per essere infine catturato dai tedeschi, essere deportato in Germania, riuscire ad evadere per unirsi all’Armata Rossa con la quale entra a Berlino).
Nel cercare di rispondere al perché della disfatta di Caporetto, il docente si tratterrà sulla scarsa competenza tattica dei reparti italiani, alla mancanza di iniziativa e di flessibilità, all’inadeguatezza e insufficienza delle armi dei comparti. Lacune e problemi a cui si aggiungono la stanchezza, la disaffezione, la pessima qualità dei rincalzi, l’inadeguatezza e impreparazione dei giovanissimi ufficiali, le condizioni di vita precarie a cui erano soggetti, la stanchezza, l’incapacità.
Il tutto è avvalorato da grande chiarezza di scrittura e da uno stile narrativo affatto pesante nonché da immagini visive quali cartine e schemi che favoriscono la comprensione di posizioni e strategie anche a chi ne è profano. “Caporetto” sa infatti essere tanto rigoroso e appassionante come un saggio quanto scorrevole e piacevole quanto un romanzo.
In conclusione, un ottimo trattato storico completo da ogni punto di vista, tanto narrativo quanto di approfondimento e ricerca.

Il cacciatore di sogni - Sara Rattaro

E’ il 4 luglio 1984 quando Luca, suo fratello e sua madre si accingono a fare rientro in Italia da Barcellona, luogo dove si erano venuti a trovare per favorire gli studi universitari di Filippo, il maggiore. Quello che si apre davanti a loro è un volo particolarissimo, da un lato i passeggeri sono in subbuglio perché Diego Armando Maradona effettuerà la tratta con loro, dall’altro lo è il nostro piccolo protagonista che arrabbiato con il fratello per l’incidente della mano, viaggia accanto ad un uomo anziano apparentemente normalissimo. E’ affranto Luca, il suo sogno è fare il pianista ma a causa di una spinta di Filippo mentre era sui pattini è caduto e si è gravemente leso la mano. L’uomo, appresa della notizia, gli mostra un volume intitolato “I cacciatori di microbi” e decide di raccontargli una storia, una storia magica e vera e avente quale protagonista Albert Sabin. Nato a Bialystock, in Polonia, nel 1906 e costretto a fuggire negli Stati Uniti a causa dell’incedere del fenomeno della discriminazione razziale, lo scienziato manifesta il desiderio di dedicarsi allo studio delle malattie e rifiuta con tutto se stesso la possibilità di diventare dentista come avrebbe voluto lo zio. Entra nel laboratorio del Dott. Park e concentra interamente i suoi studi sulla poliomerite, riuscendo a portare a termine quel vaccino che lo ha consegnato alla storia. Per farlo dovrà però scendere a compromessi, lasciare gli ostacolanti USA e recarsi in Russia.
Con “Il cacciatore di sogni” Sara Rattaro torna in libreria con un racconto per ragazzi dai toni fiabeschi ma dalla morale profonda. E lo fa donandoci un libro che ben mixa leggerezza, immaginazione (grazie alle accurate illustrazioni ivi presenti) e riflessione. In un periodo storico come quello attuale in cui i vaccini sono fortemente contestati, è importante soffermarsi a riflettere sul perché sono importanti e sul perché sono nati. Senza contare, ancora, la spinta all’ottimismo e alla volontà di credere in quel che facciamo e nei nostri sogni, ieri, oggi e domani, ancora e ancora.
Il testo risulta essere adatto sia a grandi che a piccini ma considerando lo stile narrativo novellesco e leggero adottato sicuramente coinvolgerà maggiormente i secondi che i primi. Di fatto, un posto nel cuore per Albert Sabin.

«Si vede meglio a occhi chiusi, l’ho con musica. Lo faccio spesso anch’io. Seguo le note come se le vedessi sul pentagramma e poi le lascio volare via. Mi portano lontano, tra stelle più luminose, sopra le montagne più alte o nei mari più profondi ma poi, arrivano sempre a casa del nonno, dove ho i ricordi più belli.» p. 37

«Solo i grandi uomini possono diventare grandi scienziati, ma la nostra grandezza si misura sempre dalle cose più piccole» p. 55

«Vedi, la vita può cambiare da un giorno all’altro, e non solo se sei la mia vittima di un brutto incidente, ma anche se sei la persona che da quell’incidente si è salvata senza farsi un graffio» p.82

«Il talento dev’essere messo alla prova prima di essere misurato…» p.98

«La relazione che lega la musica all’anima è stretta come il nodo di un marinaio. Questo spiega perché ogni vita ha una propria colonna sonora, o meglio, perché ogni battuta di esistenza possiede una propria melodia. Non esiste un solo neuroscienziato che non avvalori la tesi secondo cui ascoltare musica o suonare uno strumento provoca cambiamenti nel nostro cervello. Capire come e perché questo avvenga è la vera sfida. Potrebbe essere istinto? Lo stesso che ci spinge alla fuga quando scoppia un incendio o ci fa controllare a destra e sinistra prima di attraversare la strada? Non si sa. La musica parte e noi battiamo il tempo, muoviamo qualche muscolo o addirittura balliamo. Non so se sia istinto di sopravvivenza, so di certo che l’esistenza della musica dimostra che non siamo fatti di sola carne»

Benvenuti nel catalogo del sistema. Scrivi qui alcune informazioni aggiuntive da mostrare agli utenti in Home Page