La prova logico-attitudinale