Passeggeri notturni
0 1 0
Materiale linguistico moderno

Carofiglio, Gianrico - Carofiglio, Gianrico

Passeggeri notturni

Titolo e contributi: Passeggeri notturni / Gianrico Carofiglio

Pubblicazione: Torino : Einaudi, 2016

Descrizione fisica: 98 p. ; 20 cm

ISBN: 9788806229344

Data:2016

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore)

Classi: 853.914

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2016
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 8 copie, di cui 2 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Santa Croce 853.914 CAR 12-49572 Su scaffale Prestabile
Fucecchio 853.91 CAR 9-48874 Su scaffale Prestabile
MMAB Montelupo NARR CARO 2-30239 Su scaffale Prestabile
Montespertoli 853.9 CAR pas 6-28783 Su scaffale Prestabile
Empoli 853.914 CAR 4-171701 In prestito 06/08/2018
Cerreto 853 CAR 7-21235 Su scaffale Prestabile
Castelfranco 853.91 CAR 14 11-32007 Su scaffale Prestabile
Castelfiorentino 853.9 CAR 5-72380 In prestito 27/08/2018
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Con questa raccolta di trenta racconti di tre pagine ciascuno, Gianrico Carofiglio si cimenta in una delle più ardue imprese: riuscire a far riflettere il lettore su una molteplicità di temi con poche e semplici battute.
La forza di questo testo è infatti la sinteticità. L’autore riesce a far convergere l’attenzione su circostanze tra loro estremamente varie, circostanze che vanno dalle assurdità legali, alle ideologie politiche, al disagio sociale, alla filosofia morale, all’amicizia, ai legami familiari, alla perdita, alla capacità di leggere tra le parole dell’interlocutore di turno, e molto altro ancora, attraverso uno stile pulito, diretto, ironico, sarcastico.
L’approccio all’opera è in crescendo. Ab initio, scorrendo le prime pagine, viene spontaneo – soprattutto a chi già conosce la capacità dell’ex magistrato – chiedersi ove lo scrittore voglia andare a parare con questa serie di brevi storie quasi elencate con precisione matematica, poi però, un passo alla volta, il suo intento si manifesta con chiarezza e cristallinità. Da detto assunto deriva anche il naturale collegamento tra le une e le altre; vicende unite tra loro da un filo invisibile semplicemente indistruttibile.
Non forse il miglior Carofiglio, ma certamente una lettura intima da affrontare e vivere attraverso la propria personale esperienza e la propria e personale sensibilità.

«”Chesteron diceva che le fiabe non servono a spiegare ai bambini che i draghi non esistono. Questo i bambini lo sanno già”.
“E a che servono? – mi ha chiesto lei”
“Le fiabe servono a spiegare ai bambini che i draghi possono essere sconfitti» p. 10

«Il vero viaggio di scoperta non è cercare posti nuovi ma avere occhi nuovi» p. 49

«La morte non è niente. Io sono solo andato nella stanza accanto.» p. 94

n.b. = il testo potrà lasciare insoddisfatto e/o "far storcere il naso" a chi cerca ed ama il Carofiglio classico e non quello della "sperimentazione".

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.